logo webextreme

Webextreme è un progetto di Stefano Sinesi Tecnico Telecomunicazioni e Telematica. Questo sito è un blog pensato per dare un aiuto nel realizzare un sito web e indicizzarlo correttamente sui motori di ricerca. Ospita diverse aziende di diversa natura per scopi pubblicitari. Puoi consultare la nostra pagina About us, per altre informazioni.

iframe

Perchè nella Seo NON dobbiamo usare l”iframe”?

Quando crei un sito web può capitare di voler aggiungere un iframe, cioè una parte di contenuto caricato direttamente nella tua pagina web ma prelevato da una altra pagine. Questa tecnica è obsoleta e non favorisce il normale rendering del tuo browser, in più sfavorisce il caricamento ottimale del tuo sito.

<iframe un tag che non ottimizza la Seo

Nulla di più sconfortante è vedere una bella pagina web composta da altre pagine, che carica velocemente ma che è penalizzata.

Ormai con tutte le connessioni veloci che esistono navighiamo inconsapevolmente e sempre più velocemente. Non ci rendiamo conto del trasferimento pazzesco dei file del sito che stiamo visitando, verso il nostro computer. Allora sviluppando nuove idee è facile avvalersi del Tag “iframe” per velocizzare e ottimizzare il nostro punto di vista grafico e di sviluppo.

Ma l’iframe è una tecnica che non ti aiuta affatto!

<iframe lo abolisce anche la Search Console di Google

Lo afferma anche Google perchè ti consiglierà di non usare il Tag “iframe”. Allora come farò a realizzare la mia idea?

Un errore di questo genere rallenta il sito web e di conseguenza potresti abbandonare le tue posizioni organiche che hai guadagnato in molto tempo di sviluppo e azioni di marketing.

Ma perchè anche la Search Console di Google critica questo Tag che esiste da sempre?

Te lo spiego. Quando navighi un sito web il tuo browser decodifica il codice sorgente di sui è fatto il sito web che navighi e lo interpreta dall’altro a sinistra verso il basso a destra. In pratica lo legge come tu leggi un libro.

Quando i browser rilevano gli <iframe si bloccano per pochi secondi (che nella vita di un sito web indicizzato è un rallentamento di qualche secondo ai tuoi occhi, ma equivale a dire che hai una attesa di ore e ore in fila alle Poste. Senza contare che i concorrenti che non hanno questo genere di problema o “blocco” ti sorpassano come una Ferrari lanciata ai 300 chilometri orari mentre stai camminando a piedi verso la stessa rotta con il risultato di decrescere nelle serp organiche.

Magari hai una Domain Autority importante e i tuoi contenuti sono perfetti, sia dal punto di vista del contenuto, sia pubblicati in una piattaforma depositata su un Server Web ultra professionale. Il browser soffrirà nel renderizzare il tuo progetto e Google ad esempio lo rileverà favorendo come da sempre, una navigazione impeccabile alla sua utenza, penalizzando il suo sito favorendone altri più reattivi dal punto di vista della fruibilità della navigazione.

User Experiense la fede della Seo

Tutti i motori di ricerca lo fanno. E lo fa anche Google che è il primo motore di ricerca mondiale. La cura dell’esperienza dell’utente remoto.

Favorire una perfetta navigazione ai propri utenti è l’obiettivo dei motori di ricerca perchè sono ideati per favorire in termini di ricerca, tutti gli argomenti che i propri utenti vogliono effettuare. Perchè dopotutto Google e tutti gli altri motori faranno vedere il tuo sito web ai propri utenti che non ti troveranno mai organicamente, se non grazie a loro.

<iframe come illudere un Bot con Javascript

Una soluzione al limite, che non si dovrebbe usare perchè comunque il rallentamento potrebbe essere rilevato ugualmente è con l’uso di Javascript con il metodo innerHTML.

Post a Comment

Cookie Consent Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy e privacy policy.

Cookie Consent